Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

giovedì 19 luglio 2012Aggiornato il:

Cina, a noi due!


Sono in partenza, e devo sbrigare le ultime cose.
Uh, che emozione!



GattoSandro andrà in villeggiatura dai nonni, novità assoluta per lui e motivo di ansia per me.
Sarà una specie di trasloco, tra trasportino, cuccia, ciotole, lettiera, sabbietta, fornitura completa di scatolette e ovviamente il gatto. Che verrà consegnato completo di manicure e messa in piega, istruzioni per l'uso, un piccolo manuale di sopravvivenza e un dizionario Sandro-nonni.
Per i miei sarà una botta di vita. Non vedono l'ora.
Fin'ora gli hanno fatto solo da cat-sitter a casa mia, e giusto per far capire il grado di rimbambimento, l'ultima volta che sono tornata dalle vacanze dopo 26 ore di viaggio invece di chiedermi com'è andata mia madre mi ha chiamata per sapere se il gatto aveva mangiato.

Non so ancora come fare con i miei quattro bonsai. Le piante grasse si autogestiscono, il piccolo orto di basilico e simili li affido al destino. Ma i bonsai sono troppo importanti. Potrei completare il trasloco e portarli dai miei con Sandro, ma mia madre con le piante è pericolosa. Si accettano consigli.

La valigia si farà da sola, rovisterò un po' nei cassetti e metterò cose a caso. Tanto non ci prendo mai.
Ho comprato da Decathlon quella che a me sembra una furbata. E' un sacchetto compatto che all'occorrenza diventa una valigia piuttosto capiente. Così se non avrò più spazio per eccessivo accumulo di cianfrusaglie potrò usarla come bagaglio a mano e metterci per esempio la roba sporca.

giovedì 12 luglio 2012Aggiornato il:

Tombini giapponesi

Ogni volta che cammino mi sembra di sentire la voce di mia madre che mi dice "Guarda dove metti i piedi!" e nonostante questa raccomandazione riesco comunque ad inciampare anche sul liscio.

In Giappone conviene davvero guardare per terra. Piastrelle colorate e bellissimi tombini decorano le strade giapponesi descrivendo le attrazioni, la storia o le caratteristiche della zona in cui si trovano.

Non stupisce che i giapponesi, così attenti all'estetica delle cose, e maestri nell'eleganza della semplicità, non abbiano trascurato di dare un tocco di personalità all'arredamento urbano.


Tokyo: Akihabara Electric Town, famosa per i negozi che vendono apparecchi elettronici e fumetti.

lunedì 9 luglio 2012Aggiornato il:

NonSoloSandro: Blogger o artista? #1

Oggi ho deciso di inaugurare la rubrica NonSoloSandro.

Perchè ci sono momenti in cui ho il desiderio di parlare di alcune cose che non riguardano i viaggi.
E oggi voglio parlarvi di.....

Blogger o artista?
sottotitolo: L'urgenza di condividere il talento degli altri

L'artista di oggi è Clyo. Il suo blog è ricco di idee, illustrazioni, creazioni. Ho avuto l'occasione di "toccare con mano" la sua abilità, e se nelle foto pubblicate i suoi lavori sembrano già bellissimi, dal vivo lo sono molto di più.

Ho ricevuto da Clyo la cocorita Dolores. Questo per me è un vero e proprio evento, per due motivi:
- mi sono incredibilmente aggiudicata un premio, io che non vinco mai niente
- ho ricevuto una lettera, cosa che non succedeva da anni

Dolores è un bellissimo segnalibro intagliato, ma ho deciso che non la nasconderò tra le pagine di un romanzo. Voglio cercare una cornice adatta e farla diventare un bel quadretto.


mercoledì 4 luglio 2012Aggiornato il:

Fang Lijun - Il precipizio sopra le nuvole


Fang Lijun
Fang Lijun - Autoritratto
"La mia arte è uno specchio sincero del malessere sociale."

Fang Lijun


Insieme ad altri giovani artisti nei primi anni 90 Fang Lijun crea il movimento del realismo cinico. (Ne avevo già parlato qui).
Nelle sue opere emerge la voglia di raccontare il malessere sociale attraverso un linguaggio visivo ironico e grottesco.

Percorrendo le sale della GAM che ospita la mostra "Fang Lijun - Il precipizio sopra le nuvole", la prima cosa che colpisce è la dimensione delle tele (la più grande misura 17 metri x 4). Le sue opere rappresentano il destino (a volte inquietante) dell'umanità, in certi casi facendo riferimento alle tragedie avvenute nel corso delle guerre, dove la morte è protagonista.

Non è per niente ottimista Fang Lijun, lo si deduce soprattutto dalle sue parole, che accompagnano le opere lungo le sale del museo e ci aiutano a capire il suo pensiero.
Non sempre è facile dare una giusta interpretazione di ogni dipinto, che prende forma e significato solo dopo un'attenta osservazione che permette di mettere a fuoco tutti gli elementi che lo compongono.

domenica 1 luglio 2012Aggiornato il:

Lisbona: Azulejos

La caratteristica di Lisbona è l'arte elegante e colorata delle azulejos, le piastrelle di ceramica smaltate e decorate che ricoprono edifici e monumenti.
Si possono ammirare ovunque e ce ne sono di diversi tipi: da quelle classiche bianche e blu a quelle geometriche che ricoprono le facciate dei palazzi.

Decorazioni diverse sottolineano la differenza tra il piano terra e il primo piano.