Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

giovedì 31 gennaio 2013Aggiornato il:

Progetti di viaggio che prendono forma

Dopo averci pensato per buona parte dell'inverno, ho scelto la meta del prossimo viaggio.
Ero combattuta tra Vietnam, Corea, Taiwan e Malesia.
Eppure, nonostante ci sia stata lo scorso agosto, al momento di scegliere abbiamo avuto pochi dubbi:
si torna in Cina.

Hanno contribuito alla scelta:
- l'occasione di un volo abbastanza economico (in estate i voli per le altre destinazioni  hanno dei prezzi esagerati!)
- la vastità di luoghi da visitare (non basteranno una decina di viaggi per vedere tutto ciò che vorrei visitare in Cina)
l'amore che ci ha lasciato il viaggio precedente per questo Paese.

Se l'estate scorsa abbiamo visitato le grandi città cercando di inserire anche un pochino di tradizione, quest'anno il tema del viaggio sarà la natura (e il mare, che non ci godiamo dall'ultimo viaggio in Grecia del 2009).

Sto buttando giù un itinerario ancora provvisorio, ma inizio ad avere le idee chiare sul percorso.
Queste foto prese da TripAdvisor sono un assaggio (in ordine sparso) delle tappe che toccheremo.

(Le guardo e muoio dalla voglia di partire!)


Risaie a terrazza della Spina Dorsale del Drago - Guangxi
Pare che il momento migliore per visitarle sia dopo le piogge estive, 
che conferiscono ai campi una lucentezza dai mille riflessi.
Foto di Dragon's Backbone Rice Terraces, Longsheng County
Questa foto di Dragon's Backbone Rice Terraces è offerta da TripAdvisor.


giovedì 24 gennaio 2013Aggiornato il:

Capodanno a Padova - terza parte



Diario di viaggio a Padova - terza parte
Martedì 1 gennaio 2013



Oggi ci alziamo con più calma, facciamo colazione e quando mettiamo il naso fuori dall'albergo ci accorgiamo subito che la temperatura è scesa tantissimo rispetto a ieri. Chiacchierando col proprietario dell'albergo scopriamo che nelle prime ore del mattino era tutto ghiacciato .

Facciamo una passeggiata nelle vie pedonali intorno a Piazza delle Erbe ma è tutto chiuso. Persino i bar hanno appeso il cartello "Si apre alle 14". Beh, in fondo è festa per tutti.

Torniamo verso l'albergo, dove abbiamo lasciato la camera ma ci stanno tenendo i bagagli. Intorno alla Basilica del Santo c'è molto più fermento, quasi tutti i bar e i negozi sono aperti e c'è moltissima gente in giro.
Facciamo una bella passeggiata a Prato della Valle, la bellissima piazza dove abbiamo visto i fuochi d'artificio ieri sera, ma nonostante il sole oggi fa davvero freddo, così ci rifugiamo prima in una chiesa, poi in un bar.

Prato della Valle è una delle piazze più grandi d' Europa.
La canaletta ellittica circonda l'isola centrale della piazza.

giovedì 10 gennaio 2013Aggiornato il:

Capodanno a Padova - seconda parte



Diario di viaggio a Padova (e Venezia) - seconda parte
Lunedì 31 dicembre 2012


Che bello svegliarsi, aprire le finestre, e trovare uno splendido sole su una vista così bella della Basilica del Santo. Scendiamo a fare colazione e la proprietaria ci viene incontro chiedendoci se per caso preferiamo un espresso o un cappuccino al caffè americano del buffet. Ovviamente scegliamo il cappuccino, insieme a croissant, succo di frutta e un po' d'acqua. In vacanza esagero sempre un po', ma smaltirò tutte le calorie in eccesso con una lunga camminata.

Oggi andiamo a Venezia. Ci sono stata altre volte, ma ho bisogno di vederla di nuovo. La prima volta è stata in gita scolastica, e mi ricordo solo che ha fatto quasi sempre brutto, che abbiamo visto una marea di cose in pochi giorni, e che mi sono divertita tantissimo ma la gente del posto non era molto felice della nostra permanenza (niente di strano, visto il casino che facevamo).

Col treno rapido regionale si va da Padova a Venezia in mezz'ora scarsa (prezzo del biglietto: € 7 andata e ritorno). All'arrivo in stazione il treno scarica una marea di gente che appena fuori si mette subito in coda per i traghetti o le gondole. Noi preferiamo camminare senza una meta precisa. Seguiamo le indicazioni per Piazza San Marco ma ogni tanto allunghiamo e ci perdiamo per poi riprendere la strada.

Venezia è una città estremamente bella e famosa. Siccome ho avuto la fortuna di trovare un tempo meraviglioso che aiuta a rendere le cose ancora più belle, lascio parlare le fotografie.


venerdì 4 gennaio 2013Aggiornato il:

Capodanno a Padova - prima parte

Sono riuscita ad avere un paio di giorni liberi per Capodanno, così ho deciso di trascorrerli da turista.
La scelta è capitata su Padova per alcuni motivi, tra cui la distanza, la festa in piazza del 31 e, fattore principale, i costi. Per come sono andate le cose devo dire che non potevo fare scelta migliore.



Diario di viaggio a Padova - prima parte
Domenica 30 dicembre 2012


Senza aver quasi chiuso occhio prendiamo il treno delle 7.19 da Torino Porta Susa che in circa 4 ore ci porterà a Padova. Ieri sera (stamattina) siamo riusciti a coricarci alle 4 passate, praticamente ci abbiamo impiegato più tempo a metterci in pigiama che per riposare. Cerchiamo di recuperare un po' di sonno sul treno.

La fortuna ci assiste: una splendida alba ci annuncia una bellissima giornata di sole.
Alla stazione di Padova mi procuro un po' di materiale turistico e prendiamo il pullman numero 12 per 4 fermate (scendiamo a Tito Livio).
Durante il tragitto si scorgono nelle vie laterali diversi mercatini natalizi, e in generale il centro della città ci fa un'ottima impressione.

Il nostro Hotel si trova in Via del Santo. Appena entriamo la ragazza alla reception ci accoglie con un sorriso e un entusiasmo tale che per un attimo mi chiedo se per caso ci conosciamo già. Ci regala una cartina della città e ci spiega percorsi e luoghi da visitare, poi si informa su quale stanza è già pronta e nonostante sia molto presto rispetto all'orario indicato per il check-in possiamo già sistemarci!

In ascensore mi viene un po' da sorridere, siccome avevo fatto richiesta di "piano alto". Sono stata accontentata: siamo all'ultimo dei due piani della palazzina!
La vera sorpresa arriva una volta aperti gli scuri delle finestre. Se anche la stanza avesse qualche difetto sarebbe privo di importanza con una vista del genere.

Dopo aver aperto gli scuri delle finestre, ecco la splendida vista sulla Basilica del Santo.