Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

sabato 28 settembre 2013Aggiornato il:

Elephant Trunk Hill (Guilin)



Diario di viaggio in Cina
3 agosto 2013



Ci svegliamo con un cielo scuro che minaccia pioggia. Tutto è un po' cupo, il cielo, il fiume, i palazzi e persino gli alberi sono dello stesso colore. Grigio.
Contrasta col mio umore, che invece è rosa. Sarò noiosa a forza di dirlo, ma a me questa vacanza sta facendo benissimo.

Oggi la giornata è brutta, ma anche con questo grigiore il fiume è bellissimo.


martedì 24 settembre 2013Aggiornato il:

Longji rice terraces



Diario di viaggio in Cina
2 agosto 2013



Oggi partecipiamo a un'escursione organizzata dall'ostello.
Conosciamo i nostri compagni di viaggio: Juan Carlos, colombiano, e la dolcissima coppia formata da Stanly e Diana, dalla Malesia. Il nostro autista claudicante ci fa salire sul furgoncino e partiamo alla volta delle famose terrazze di riso della Spina Dorsale del Drago. Queste risaie sono un capolavoro dell'ingegneria rurale e raggiungono un'altezza di 1000 metri, sono ansiosa di vederle dal vivo dopo tante ricerche sul web.

Abbiamo subito un piccolo incidente (un motorino si fionda in contromano sul cofano del nostro minibus, con estrema stizza del nostro autista che si accorge di una riga sulla carrozzeria) ma poi il viaggio prosegue tranquillo e lento fino a destinazione.

Abbiamo trovato forse l'unico autista prudente di tutta la Cina, dato che non suona, sorpassa poco e nei tornanti va lento come una lumaca. Si ferma a farci i biglietti e poi ci lascia proprio all'ingresso del villaggio.
Sono già estasiata per la bellezza del paesaggio.

Il villaggio Dàzhài

venerdì 20 settembre 2013Aggiornato il:

Finalmente a Guilin



Diario di viaggio in Cina
1 agosto 2013




Dal finestrino del treno il paesaggio carsico con le vette
arrotondate ci annuncia l'arrivo in Guanxi. Guilin è vicina. 


Nonostante il treno in ritardo e la lunga notte di viaggio alle spalle arriviamo a Guilin non troppo stanchi. É ora di pranzo, il sole è molto caldo e la città ci fa subito una buona impressione.

Troviamo subito il nostro ostello, che si trova sul fiume. L'accoglienza è ottima, i ragazzi dell'ostello sono gentili e sorridenti, capiamo immediatamente di aver scelto bene. La nostra stanza è enorme, con un letto basso e la scrivania. C'è addirittura una mensola con libri e fumetti. Dalla grande finestra il panorama non è dei migliori, ma non ci lamentiamo.

Usciamo a mangiare qualcosa e prendiamo confidenza con la zona. Guilin è una città abbastanza grande, con un sacco di contrasti tra vecchio e nuovo che la rendono davvero interessante. Ci sono corsi enormi e trafficati, vie moderne piene di negozi e centri commerciali, ma basta inoltrarsi nelle viuzze per trovare mercatini e botteghe con abitazioni più tradizionali.

martedì 17 settembre 2013Aggiornato il:

Addio Fenghuang (cronaca di un'altra notte di passione ferroviaria)



Diario di viaggio in Cina
31 luglio 2013



Abbiamo ancora mezza giornata per visitare Fenghuang, così oggi ci spingiamo oltre le mura della città vecchia.
Prendiamo la strada che sale su una piccola collina, passando attraverso vie strette e case di pietra. Da quassù la vista è molto bella, i tetti delle case sembrano fondersi in un unico grande tappeto blu.

Fenghuang, vista dalla collina.


venerdì 13 settembre 2013Aggiornato il:

Fenghuang, semplicemente bellissima.



Diario di viaggio in Cina
30 luglio 2013



Per visitare Fenghuang è necessario uscire molto presto, dato che il sole è caldo fin dalle prime ore del mattino e la temperatura diventa insopportabile nell'ora di pranzo.

Il ponticello sul piccolo canale di fronte al nostro hotel
e un cartello fitto di indicazioni molto interessanti (se solo sapessi il cinese).
FenghuangFenghuang


Questa città è affascinante.
La parte più scenografica è quella del fiume, con le case a palafitte che si specchiano nell'acqua. Ma io adoro passeggiare nei vicoli pieni di botteghe che conservano ancora attività antiche come le farmacie.

lunedì 9 settembre 2013Aggiornato il:

Phoenix Ancient Town (Fenghuang, Hunan)



Diario di viaggio in Cina
29 luglio 2013



Abbiamo l'autobus alle 9.30, perciò stamattina ce la prendiamo con comodo. Mi dispiace lasciare Zhangjiajie, ma sono allo stesso tempo ansiosa di partire.
La camminata di ieri ci ha segato le gambe, che sembrano due pezzi di legno.

Mr Shi ci ha preso i biglietti, e insiste nel volerci accompagnare alla stazione. Pretende anche di portarci le valigie, non vuole sentire ragioni. Avere la fortuna di incontrare persone come lui aumentano sia il gradimento che il valore di un viaggio, anche se tutta questa premura mi imbarazza un po'.

Gli sono davvero grata per tutto, ha reso il nostro soggiorno un'esperienza indimenticabile.


Il viaggio è piuttosto movimentato. Il nostro autista sembra abbastanza nervoso, sorpassa qualsiasi veicolo incontri sul suo cammino, e suona il clacson in continuazione. Il panorama è fantastico, le montagne e i fiumi ci fanno da contorno per tutto il tragitto.

Tutta questa bellezza è rovinata da scene inquietanti: prima un camion ribaltato sul ciglio della strada, poi un frontale in galleria. Scene incoraggianti da vedere a bordo di un autobus guidato da un pazzo.
Preferisco adeguarmi alla filosofia cinese, così invece di preoccuparmi schiaccio un pisolino.


Foto scattata dal minibus. Lo Hunan è una regione stupenda.


sabato 7 settembre 2013Aggiornato il:

Il posto giusto per raggiungere l'illuminazione (Tianzishan)



Diario di viaggio in Cina
28 luglio 2013



Stamattina scendiamo prestissimo ma sono già tutti svegli. Mr Shi è bello pimpante, e quando gli diciamo che oggi vogliamo andare sulla montagna Tianzi parte in quarta a spiegarci il tragitto migliore.
Il suo inglese ormai sta diventando leggenda, mentre tiene il bastone in mano per indicarci i luoghi sulla grande mappa appesa nell'atrio dell'hotel.
"Go here by baaaas (bus) then waak waak waak (walk ripetuto dalle tre alle cinque volte) then..."

Aspetta un attimo, 'By bus?' Ma noi vogliamo salire con la funivia! Si ferma, ci guarda. "Funivia??"
Non glielo avessimo mai detto. Non va bene.
Non è che la nostra richiesta sia sbagliata, ma così facendo dobbiamo pagare un sacco di soldi che potremmo risparmiare.

In effetti dovremmo ascoltarlo, ma ormai ci siamo fissati con questa storia della funivia.
Lui cede, mi sembra un po' offeso, e mi dispiace, ma decide che allora se proprio vogliamo fare di testa nostra dobbiamo almeno farci accompagnare alla biglietteria dalla moglie (per cercare di avere uno sconto).

Attraversiamo il labirinto di vie che passano all'interno dei viali principali, e passiamo in mezzo alle bancarelle e ai negozi dove stanno cuocendo involtini, spaghetti e un sacco di cose buonissime.
La gente sembra un po' stupita di vederci qui, ma io sono presa dai profumi e non faccio troppo caso ai loro sguardi.

E' mattina presto ma il sole è già caldo e gli ombrelli colorano le vie del mercato.


mercoledì 4 settembre 2013Aggiornato il:

Welcome to the real Pandora (Zhangjiajie)



Diario di viaggio in Cina
27 luglio 2013



Siamo elettrizzati all'idea che oggi visiteremo i parchi naturali di Zhangjiajie, per cui scendiamo un po' prima delle 7.30 (ora in cui abbiamo appuntamento con Mr Shi). All'ingresso dell'hotel non c'è nessuno, magari è troppo presto. Facciamo un giretto per perdere un po' di tempo, ma quando torniamo tutto tace.


La via del nostro albergo nelle prime ore del mattino.
Nei ristoranti le famiglie fanno colazione con ravioli al vapore e spaghetti in brodo.