Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

venerdì 29 novembre 2013Aggiornato il:

Chiudiamo il cerchio (Ritorno a Guangzhou)



Diario di viaggio in Cina
17 agosto 2013


Oggi lasciamo Sanya, e in un certo senso è come se il nostro viaggio finisse qui. Torniamo a Guangzhou (Canton), da dove un mese fa tutto ebbe inizio. Un viaggio lungo un sacco di chilometri fatti in treno, attraverso regioni diverse, paesaggi, persone, avventure, ricordi, lunghe camminate e desiderio di scoperta.
Ma non è ancora il momento di lasciare la Cina, quindi mi godrò questa vacanza fino all'ultimo istante.


Il viaggio in autobus dall'albergo all'aeroporto di Sanya dura circa tre quarti d'ora. Il cielo è sereno, ma una volta decollati entriamo in un blocco di nuvole grigie dense che ci accompagnano fino a Guangzhou. Si balla abbastanza e il comandante decide di sospendere il servizio pasti (proprio quando stavamo per essere serviti). Mi devo accontentare di un pacchettino di arachidi.


Arriviamo a Guangzhou con un bel po' di ritardo e siamo affamati, ma la sensazione è quella di essere tornati alla base (vorrei scrivere "casa" ma non voglio sembrare esagerata, anche se l'impressione è esattamente questa).
Dopo un'ora abbondante di metropolitana arriviamo a destinazione. Il nostro hotel è in una zona bellissima di mercati e negozi, e la stanza non è niente male.

La vista dalla nostra stanza al 7° piano.


domenica 24 novembre 2013Aggiornato il:

Nanwan Monkey Island (Sanya)



Diario di viaggio in Cina
16 agosto 2013


Alle 7.30, puntuali, siamo alla fermata ad aspettare il Bus n° 10378. La gita di oggi ci porta, insieme ad una ventina di turisti cinesi, in un'isola popolata da scimmie.

Il viaggio dura quasi un'ora e mezza, accompagnato dalla voce cantilenante della guida che parla un cinese davvero melodico. Effetto soporifero immediato.


Arriviamo in un villaggio, dove si trova la funivia che ci porterà sull'isola. Conosciamo i nostri compagni d'avventura: sono per lo più coppie, c'è qualche famiglia e una mamma con bimbo.
La nostra guida non parla inglese, ma in qualche modo riusciamo a scambiarci le informazioni base (per non perderci). Per esempio, visto che bisogna rispondere all'appello ogni volta che ci spostiamo, decide che ci chiamerà "Family". (Direi che si tratta di una pura formalità visto che diamo abbastanza nell'occhio.)

Il viaggio in funivia è spettacolare. Come iniziamo a salire vediamo il mare, su cui ci sono veri e propri villaggi galleggianti, e l'isola tropicale che stiamo raggiungendo, con montagne ricoperte di vegetazione. Siamo in cabina con mamma, bimbo e guida. Il bimbetto non sembra impressionato dalle nostre facce straniere, e nemmeno dall'altezza. Anzi, per vedere meglio passa dal nostro lato e si piazza in mezzo a noi.

Panorama dalla funivia

mercoledì 20 novembre 2013Aggiornato il:

Wuzhizhou Island (il paradiso proibito)



Diario di viaggio in Cina
15 agosto 2013



Oggi decidiamo di andare a Wuzhizhou Island senza sapere che stiamo per visitare la classica isola dei sogni, con spiagge stupende e mare azzurro. Ma soprattutto non immaginiamo che sia così lontana (e cara) da raggiungere.

Dopo un'ora abbondante di autobus ci illudiamo di essere arrivati, ma naturalmente su un'isola mica ci si può arrivare via terra. Coda alla biglietteria per pagare l'ingresso e coda chilometrica per il traghetto. Per una volta che ce la prendiamo comoda e non ci alziamo all'alba veniamo subito puniti: dovevamo arrivare molto più presto per evitare questa folla.

Quelli sulla sinistra e sulla destra fanno parte della stessa, lunghissima, coda.


sabato 16 novembre 2013Aggiornato il:

Nanshan Temple (Sanya)



Diario di viaggio in Cina
14 agosto 2013



Stamattina voglio fare una sorpresa a Lore e fargli trovare le brioche per colazione, così sgattaiolo via di nascosto e scendo giù. (Peccato che i negozi siano ancora chiusi e che alla fine mi debba accontentare del solito pacco di biscotti del mini-market.)
Mi piace andare in giro da sola, sono strade a cui ormai mi sono abituata e ho la sensazione di starci davvero bene in questo posto. Lo so che queste impressioni sono falsate dal fatto che sono in vacanza, ma questa città ha qualcosa di molto familiare che mi mette a mio agio.

Già di mattina presto è tutto pronto per l'inaugurazione di un nuovo ristorante. (Sembrano corone di fiori da funerale, invece sono composizioni di buon augurio per la nuova attività).

lunedì 11 novembre 2013Aggiornato il:

Yalong Bay (Sanya) e un altro imprevisto



Diario di viaggio in Cina
13 agosto 2013



Questa mattina il tempo non è tanto bello, ma decidiamo comunque di prendere l'autobus per andare a Yalong Bay (la spiaggia più famosa di Sanya). E' piuttosto lontana e il viaggio dura un'ora abbondante, durante la quale il bus si riempie come un uovo.

La spiaggia di Sanya al mattino presto.

martedì 5 novembre 2013Aggiornato il:

Questo lungo viaggio ci ha portati a Sanya (Hainan)



Diario di viaggio in Cina
12 agosto 2013



Quest'oggi viaggiamo da signori. In treno, come sempre, ma finalmente sarà il Signor Treno. Qui che l'alta velocità esiste non ci facciamo scappare l'occasione di viaggiare a 300 km/ora (che è sempre una gran bella esperienza).

I treni super veloci partono dalla stazione est di Haikou, una costruzione super moderna e bellissima.

Dopo aver fatto i biglietti abbiamo il tempo di mangiare un panino da KFC. Il responsabile di sala è premurosissimo nei nostri confronti, e ci manca solo che ci stenda il tappeto rosso e ci faccia un massaggino ai piedi nell'attesa. Tutta questa gentilezza per due hamburger da portare via fa piacere, ma bisogna ammettere che è un po' imbarazzante.


Il treno è un gioiellino col naso a punta. Sia l'interno che l'esterno sono lindi, perfetti. I sedili sono comodi, ed è obbligatorio andare in bagno anche se non ce n'è bisogno, giusto per godersi il lusso.
Le due ore sul treno più belle di tutto il viaggio (e vorrei vedere!).

All'ingresso di ogni scompartimento c'è un display che indica la velocità e la temperatura (esterna e interna). Stiamo andando come fulmini.

Il paesaggio è bellissimo, quest'isola ha diversi elementi naturali che la rendono speciale: montagne, pianure, foreste tropicali e spiagge meravigliose.

Il lusso di un treno super veloce.