Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

lunedì 17 novembre 2014Aggiornato il:

Di shopping, souvenir e ricordini vari dalla Corea.

Dopo aver scritto il diario di bordo è giunto il momento di passare ad argomenti più frivoli (e divertenti) che riguardano il mio viaggio in Corea.
Oggi l'argomento è lo shopping, ovvero il prodotto di quei momenti in cui mi prende il raptus da acquisto.
Sono un'accumulatrice cronica (ho scatoloni pieni di cartine, biglietti e depliant di TUTTI i viaggi passati) ma devo sottolineare che gran parte del bottino raccolto e raccontato in questo post è stato regalato a parenti e amici.

Bando alle ciance, via con le foto.



  • Iniziamo subito con la categoria GARDEN.

Negozi in cui avrei comprato di tutto (come sapete ho la passione per il giardinaggio), specialmente per il prezzo. Alzavasi con rotelle a un euro, decorazioni per vasi a niente. Questo è il mio bottino:

Mini vasetti con semini (quadrifoglio e fragolina). Non so ancora se sono spuntati, mi devo informare.
Semini in vaso



Buste di semi vari: germogli di erba medica, catnip, daikon, e shiso.
Lo shiso è già cresciuto. Il catnip ci ha messo un po' ma alla fine è spuntato (sapete cos'è? E' l'erba che fa sballare i gatti. Sandro però non ha mostrato molto interesse). Gli altri due non sono ancora stati piantati.
semi da piantare



  • Categoria CUCINA

Set di coltelli e posate coreane. Mangiare con le bacchette di metallo è abbastanza difficile, anche se i coreani si aiutano col cucchiaio.

Il prezioso contenuto della valigia smarrita all'aeroporto di Istanbul (adesso capirete la mia angoscia).
Sughi, salse per la carne alla griglia, paletta per riso e formina per onigiri, porta-riso e bicchieri in metallo. Ci sono anche due ciotole in pietra (foto sotto) e un vecchio ricettario scovato in una libreria dell'usato. Il peluche a forma di daikon non è commestibile ma è troppo carino.



  • Categoria CANCELLERIA

La bustina più piccola in realtà è più un portamonete, invece l'altro è un astuccio stretto (ci stanno al massimo 4 matite). Riesco sempre a sparpagliare le penne in borsa e quando mi servono non le trovo mai, potrebbe essere utile.

Un'agendina gattosa con le pagine bianche (perfetta per gli appunti di viaggio) e un quaderno illustrato con i disegni della torre di Seoul.

Adesivi a forma di francobollo che rappresentano le tradizioni coreane.

Adesivi da appiccicare sul calendario o sul diario in base al proprio stato d'animo (felice? arrabbiata? triste?) o al tempo (ombrellino per la pioggia o il sole). Le faccine della foto più grande mi fanno morire, sembro io.
Insieme ai coordinati busta/lettera sono tra i souvenir che preferisco.

Segnalibri preziosi, bagnati nell'oro ma economici (di oro ce n'è proprio pochino eh). Le gru, l'alfabeto coreano e la cerimonia di matrimonio coreana.



  • Categoria TROPPO BELLI PER LASCIARLI LI'

Le cartoline dei personaggi famosi illustrati in stile coreano. Ce n'erano davvero tante, ma io ho scelto questa versione fumettosa del Che.

Hai male al polso perché usi troppo il mouse? E' indolenzito? Appoggialo sul gatto riposa-polso e non ti stancherai più. Questo l'ho voluto per me e sono orgogliosa di averlo, anche se avrei preferito il cuscino migliora-umore da abbracciare che però (giustamente) è andato a ruba.

Nell'ordine: il gatto reggi-libri (quello rosa era carino, ma Sandro è nero e io devo difendere la specie), i tappini da smartphone, una matita del museo del folclore di Seoul e una salviettina.



  • Categoria FAI DA TE

A Jeonju ho trovato un bellissimo negozio di oggetti fai da te. Non sono molto brava col cucito, e questa è stata una bella sfida. Prima ho dovuto decifrare le indicazioni sul cartamodello (in coreano), e ho subito scoperto che pensavo d'aver preso un gatto e invece è una lontra. Va bé. Poi ho litigato parecchio con l'imbottitura e i pallini di plastica che alla minima distrazione schizzavano fuori (ho avuto pallini in tutta la casa per giorni).
Però il risultato non è poi così male no?



  • Categoria PEANUTS

Snoopy e Charlie Brown meritano sempre una categoria a parte, ma devo dire che in Corea non sono amati e onnipresenti come in Giappone (tanto per fare un esempio vi ricordo il calendario dei Peanuts in Giappone o un po' di sano Penuts-Shopping a Tokyo).
In effetti ho scovato un fantastico Charlie Brown Café in aeroporto proprio mentre correvo al Gate e mi avanzavano giusti giusti i soldi per una tazza e una serie di cartoline! (Sarà la sorpresa per Natale di qualcuno per cui Shhhh! fate come se non ve l'abbia fatta vedere!)
PEANUTS



  • Categoria I SEGRETI DI BELLEZZA

Maschere di tutti i tipi, idratanti, antirughe, effetto lifting. Sono una goduria, ma si consiglia di usarle in casa da sole perché l'effetto è molto Hannibal Lecter. Le ho prese anche per i piedi, sì. 
E già che c'ero mica potevo privarmi delle strisce per i punti neri al Q10 (che non proverò mai perché ho paura di strapparmi via la pelle, e non oso regalarle per lo stesso motivo. Praticamente un acquisto inutile).



  • Categoria DI TUTTO DI PIU'


Quegli oggetti che sembrano senza senso ma che hanno sempre un perché:

- La bandiera coreana
Perché mi piace di più collezionare le maglie della nazionale di calcio ma quella originale costava troppo (e non ho trovato quella tarocca).
- La maglietta e la stola del Papa
Perché fanno davvero troppo ridere, e visto il costo sarebbe stato un peccato non prenderle.
- Le ciabatte
Primo: perché le ciabatte in Corea sono come gli ombrelli, appena inizia a piovere ce l'hanno tutti. Secondo: perché se hai un amico che in genere va in giro con le ciabatte di plastica SAI che apprezzerà il pensiero. Terzo: Se poi gliele trovi arancioni (che è il suo colore preferito) è inutile chiederti come farai a trovare il posto in valigia, le prendi e basta.
- La mascherina
Perché è fighissima.

- Il portalenti a forma di pecora
Perché se un regalo non è un po' scemo non c'è gusto.
- Set per le unghie e specchietto
Perché ho una nipote dodicenne che è un'esperta nelle decorarsi le unghie nonostante la giovane età (per la gioia della mamma che infatti mi odia, ehm)
- Il pirata Pop Pop
C'è bisogno di un perché??

- Calzini
Perché sono OVUNQUE, e prima o poi scatta l'impulso irrazionale di comprarne almeno una decina di paia (gli esemplari acquistati sono molti di più di quelli in foto)



  • Categoria MOLTO PIU' DI UN SOUVENIR


Ben due paia di scarpe (poi mi chiedo come mai la valigia non si chiude). Un paio di All Stars viola, non di marca ma identiche alle originali, e questi sandaletti che mi piacciono proprio tanto.

Un Gundam da montare e un personaggio di One Piece, i souvenir più ambiti presi nel negozio più bello del mondo. Solo che per The Gundam Base ci va un post a parte.




Se volete proseguire lo shopping, questi sono i miei (passati) bottini di viaggio in ordine sparso:
- I souvenir dalla Cina
- Shopping ad Amsterdam
- Shopping a Berlino
- Il borsellino dei ricordi
- I gadget dal Giappone
- Sottobichieri giapponesi
- Souvenir culinari dal Giappone
- Caramelle giapponesi
- Il calendario dei Peanuts




33 commenti:

  1. Oddio, io sono minimalista, ma questi oggettini mi metterebbero a dura prova, soprattutto i calzini (ma in fondo quelli si usano e consumano annualmente!) e gli adesivi (ai miei alunni più bravi appiccicherei un bell'adesivo in fronte, che dico, sui 'writing').

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto ricordare quando a scuola la maestra mi metteva le stelline sui compiti che facevo bene ^_^

      Elimina
  2. Voglio il gatto riposa polso e i calzini con il gufo!
    (vabbè, anche tutto il resto, che te lo dico a fare?)
    Che meraviglia!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi compro niente tutto l'anno e poi esagero in vacanza!

      Elimina
  3. uff quante cose meravigliose .. quando sono stata in Giappone oltre alle valige cariche ho anche dovuto spedire un pacco ... che ricordi :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici! Io in Giappone ho dovuto comprare un'altra valigia!

      Elimina
  4. su queste cose nessuno batte gli asiatici! ottimo post, complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo chiamo il paese dei balocchi...

      Elimina
  5. Ahahah! Ti sei data allo shopping estremo! Hai fatto bene, se no a noi chi cè le racconta tutte queste cose che si possono comprare (mica possiamo immaginare cose così assurde,) ;-D
    PS: io la lontra l'avevo presa per un topo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco! In effetti a guardarlo bene mi chiedo come ho potuto scambiarlo per un gatto.

      Elimina
  6. Meravigliosi tutti questi pensieri e souvenir!! Ti sei davvero scatenata nello shopping! :-D
    Tra tutti, che te lo dico a fare, vado pazza per i segnalibri!!

    RispondiElimina
  7. E' tutto meraviglioso *_*
    I miei preferiti sono i calzini, seguiti dalle cose gattose, dai Peanuts e dai sandali!
    Sono curiosissima di vedere le cose da cucina in azione, come hai scelto le salse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni volta che assaggiavamo una salsa particolare ci facevamo scrivere il nome, poi le abbiamo cercate tutte al supermercato. Ogni prodotto culinario è stato scelto dallo chef di casa, tanto è lui che cucina. Io mi limito al ruolo di assaggiatrice ^^

      Elimina
  8. Oh!!!
    Mi sono venuti gli occhi a forma di cuore come nei manga, vedendo i tuoi acquisti.
    Soprattutto quelli di carta da lettere che è la mia passione.
    Sogno di visitare la Corea *anche* per questo, per fare incetta di tutti questi oggettini meravigliosi che solo loro hanno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse per la carta da lettere il Giappone è imbattibile, ma anche la Corea non scherza.
      Persino in banca, quando sono andata a cambiare i soldi, l'impiegata mi ha dato una busta bellissima e colorata!

      Elimina
  9. I calzini e i sandali sono davvero bellissimi!
    Hai un bellissimo blog! Se hai voglia passa a trovarmi!
    A presto... Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ho visto che sei una fotografa ^^ Proverò a leggere il tuo blog da telefono, perché ho un problema con i blog a sfondo nero e scritte bianche: non riesco a leggere! Sono stata operata agli occhi qualche anno fa, e non sono più miope, ma sono diventata leggermente fotosensibile. In poche parole il bianco spicca sul nero e mi rimane impresso, così quando leggo le righe sotto è come se si sovrapponessero a quelle precedenti... Non so se mi sono spiegata, spero di sì.

      Elimina
  10. Gli adesivi francobollo e il gatto riposa polso sono bellissimi *o*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commesso continuava a dirmi di non usarli per spedire le cartoline "sono adesivi!" e io "sì sì li voglio proprio per quello" ^^

      Elimina
  11. Eccoli i famosi tacchi !!!! :-) ti sei sbizzarrita eh !!!

    RispondiElimina
  12. Io sarei totalmente impazzita per gli adesivi!
    Poi il poggia-polso a forma di gatto è stupendo! :°D

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Al prossimo viaggio ne prendo un paio in più per te ^_^

      Elimina
  14. Gli asiatici sono unici.
    Ma dove l'hai messa tutta quella roba nel viaggio di ritorno?? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mistero. Oppure l'arte del riempire la valigia ai limiti del possibile!

      Elimina
  15. E io che mi preoccupavo di aver preso troppe cose a Bali...ahahah!
    Fra l'altro tutte cose favolose, specialmente quelle gattone come il reggi libri, indispensabile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un sacco di roba di enorme utilità, vero? ^_^

      Elimina
    2. Ovvio!! Sempre taaaante cose utilissime di cui non possiamo fare a meno ;)

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente il codice captcha per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...