Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

venerdì 31 ottobre 2014Aggiornato il:

Samsung d'light (e Seoul)



Diario di viaggio in Corea
21 agosto 2014


Gangnam sotto la pioggia


Cosa si può fare a Seoul, quando ci si sveglia sotto la pioggia? Tantissime cose. Una di queste è sicuramente andare al Samsung d'light (non vedevo l'ora!).
Ci troviamo a Gangnam, un quartiere ricoperto di grattacieli dalle forme futuristiche, centri commerciali che si sviluppano in verticale, e negozi di lusso. In mezzo a tutto questo svetta il grattacielo Samsung Electronics, in cui si trovano i tre piani espositivi di Samsung d'light.


lunedì 27 ottobre 2014Aggiornato il:

Ritorno al futuro (Seoul)



Diario di viaggio in Corea
20 agosto 2014






Questa mattina dobbiamo lasciare il nostro hanok (e Jeonju), ma abbiamo ancora un paio d'ore che impieghiamo per spingerci oltre il ponte e visitare un pezzo di città che non abbiamo ancora visto.
Come spesso succede, camminare senza una meta precisa riserva qualche sorpresa.

Notiamo un po' di movimento lungo il fiume, e seguendo qualche venditore ambulante ci troviamo nel pieno del mercato mattutino. Non posso parlare di veri e propri banchi, per lo più ci sono prodotti esposti su teloni stesi sul pavimento e sembra l'esposizione abusiva di generi di prima necessità provenienti da orti casalinghi, ma è tutto molto pittoresco.

I frutti di mare sono freschissimi - i granchi tentano la fuga, i pesci cercano di saltare fuori dalle bacinelle - e i mercanti hanno un'età che varia dai settant'anni all'immortalità.

La cosa che mi stupisce di più è che in questo posto, dove mi aspettavo come minimo sguardi curiosi se non proprio ostili nei nostri confronti, riceviamo invece una sorta di tacita e divertita tolleranza. Mi sembra improbabile che siano abituati ai turisti occidentali, forse sono solo persone semplici che apprezzano questa nostra straniera incursione nel loro mondo.


giovedì 23 ottobre 2014Aggiornato il:

Jeonju - Cortili, angoli nascosti e ispirazioni.



Diario di viaggio in Corea
19 agosto 2014



Jeonju permette di immergersi completamente nella cultura e nella tradizione coreana.
Arrotolare il futon appena alzati, fare colazione seduti sui cuscini guardando attraverso le finestre la città che piano piano si sveglia, e poi sedersi in cortile dove qualcuno ha steso i panni ad asciugare. Sono gesti semplici che mi rendono partecipe di una quotidianità che sono grata di poter sperimentare.

Il mio posto preferito
Jeonju Hanok Village


venerdì 17 ottobre 2014Aggiornato il:

Jeonju: Hanok experience



Diario di viaggio in Corea
18 agosto 2014



Neanche a farlo apposta questa mattina Busan si sveglia sotto una pioggia torrenziale. Sembra quasi volerci dire "vi ho concesso tre giorni di sole, ora andate via che devo far arrivare un po' di brutto tempo".
In effetti mi ritengo molto fortunata per le condizioni meteo trovate fin'ora.


Busan, stazione degli autobus
Stazione Autobus Busan


L'autobus ci impiega più di tre ore per arrivare a Jeonju. Appena fuori dalla stazione troviamo un punto informazioni dove prendiamo una cartina e chiediamo di indicarci la posizione del nostro hanok* (operazione a quanto pare complicata dato che prende diversi minuti).

*Hanok è il termine che indica l'architettura tradizionale coreana, che comprende anche i materiali utilizzati e il bisogno di essere in armonia con la natura seguendo le indicazioni del feng shui. 


lunedì 13 ottobre 2014Aggiornato il:

Busan dai mille colori



Diario di viaggio in Corea
17 agosto 2014



Se ancora non ero abbastanza innamorata di questa città, oggi ne sono completamente conquistata. Gamcheon Culture Village è un villaggio abbarbicato sulla collina con casette basse, tetti colorati, e percorsi artistici e culturali. Qualcuno l'ha paragonata a Santorini, per i tetti blu e le pareti bianche. Altri hanno scritto che assomiglia a Burano, per le case colorate.
Io penso che sia semplicemente e squisitamente unica.

Vista d'insieme all'ingresso

Gamcheon Culture Village



giovedì 9 ottobre 2014Aggiornato il:

Busan: spiagge, nuotate e vedute pazzesche.



Diario di viaggio in Corea
16 agosto 2014



Dopo una bella dormita facciamo colazione in camera. In questo hotel viene servita sui vassoi alla reception, che vengono riempiti a piacere e portati in stanza. Cose semplici ma buone: caffè, succo di frutta e pane tostato con marmellata.

Colazione in camera
Angel Hotel Busan



lunedì 6 ottobre 2014Aggiornato il:

Folle folle Busan



Diario di viaggio in Corea
15 agosto 2014



Questa mattina per lasciare la nostra Homo Nomad Guesthouse abbiamo dovuto tirare fuori i fazzoletti.
La padrona di casa aveva i lacrimoni già di prima mattina, quando siamo scesi a fare colazione e dovevamo ancora chiudere le valigie.
Il momento dei saluti è stato indimenticabile. Dopo il classico scambio di mail, la promessa di rivederci prima o poi, l'invito a venire in Italia e frasi che sembrano di circostanza ma che invece arrivavano dal cuore c'è stato l'abbraccio più bello che potessi aspettarmi.

Sono andata via col magone. Io mi commuovo facilmente ed è stata dura trattenermi dall'andare via in lacrime.

Ci si può affezionare così tanto a qualcuno in così poco tempo? La cosa che mi ha colpita ed emozionata di più è che in questi giorni abbiamo visto arrivare e partire molta gente, ma non ho mai visto Madame così dispiaciuta. Non vorrei sembrare presuntuosa, ma credo che nei nostri confronti ci sia stata da subito una sintonia e una simpatia (ricambiata) particolare.


giovedì 2 ottobre 2014Aggiornato il:

(Ultima) giornata di pioggia a Gyeongju



Diario di viaggio in Corea
14 agosto 2014



Ha piovuto tutta la notte e stamattina non accenna a smettere. In casa si sta bene, ma sotto a questo diluvio dover uscire in cortile per andare in bagno è un po' scomodo.

Cosa si può fare in un giornata di pioggia? In un città come questa (oggi potevamo scegliere tra la montagna, le tombe reali, il parco nazionale, o un gita fuori porta, per esempio Andong) ben poco. 

Ci divertiamo un po' con i giochi per due sul tablet (abbiamo riso come due bambini, e comunque vorrei sottolineare che sono troppo forte quando finalmente capisco le regole) e quando ci sembra che la pioggia sia meno intensa usciamo.

Per le vie incontriamo pochissima gente. Ci infiliamo in un tempio per ripararci un po'. I colori, nonostante il cielo grigio, sono molto brillanti.
In una sala alcune persone sono riunite, ma sembra più un incontro tra amici che un affare religioso.

Gyeongju sotto la pioggia
Gyeongju