Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

mercoledì 23 dicembre 2015Aggiornato il:

Week end a Chambery e Aix-les-Bains

Chambery dista da Torino circa 200 km, quindi è una meta ideale per una mini vacanza di un paio di giorni. Un po' di coda al traforo del Frejus e poi sosta in un autogrill francese per la nostra prima baguette. Arriviamo a destinazione verso l'ora di pranzo.

Prima tappa: info point per recuperare la cartina della città e le indicazioni per raggiungere l'hotel (Kyriad Chambery Centre), che tra una rotonda e l'altra non riesco a trovare.
Ci viene assegnata una bella camera con angolo cottura attrezzato e il set di cortesia con tè, caffè e biscottini. Il tempo di cambiarci e usciamo subito alla scoperta del centro. 

A due passi dall'albergo si trova la Galerie Eureka- Espace Montagne, un centro culturale scientifico con spazi permanenti ed esposizioni temporanee (Carré Curial Place François Mitterrand, ingresso gratuito). Da questa piazza, girando a destra in Rue Denfert, si arriva al Teatro Charles Dullin. Da qui si intrecciano una serie di stradine pedonali dove è piacevole passeggiare senza una meta precisa, guardando i negozi e i palazzi medievali.

Dopo aver visitato la Cattedrale di Chambery camminiamo sotto ai portici di Rue de Boigne per arrivare alla fontana degli elefanti, e poi torniamo indietro ripercorrendo la stessa strada fino all'imponente Castello del Duca di Savoia. Era la residenza del Duca, e nella cappella un tempo era conservata la Sacra Sindone, che si trova attualmente a Torino. 

Ci intrufoliamo di nuovo nel dedalo di vie e concludiamo la visita di oggi in Place Saint-Legér, il cuore del centro storico su cui si affacciano palazzi colorati e caffetterie.


Teatro Charles Dullin Chambery
Teatro Charles Dullin




Palazzo di Giustizia
 Il Palazzo di Giustizia (con le statue sul piazzale di fronte)

Chambery
Le vie del centro

Place Saint-Léger
Place Saint-Léger
Cattedrale di Chambery
Cattedrale di Chambery

Cattedrale di Chambery
Cattedrale di Chambery (interno)

La fontana degli elefanti
La fontana degli elefanti
1838 - alta circa 18 metri, eretta in omaggio del Generale de Boigne

A Chambery i negozi non mancano, e per trovare i souvenir più belli vi segnalo:

- La Piste Verte, 172 rue Croix d'Or, dove c'è una vasta scelta di Opinel.
- Le librerie, in particolare la Librairie Garin, boulevard du Theatre, vicino al Musée Savoisien, dove ho trovato tantissimi libri per il bricolage, il fai da te, la cucina e l'art thérapie.
- Marché Les Halles, mercato coperto in rue Derrière les Murs, dove i formaggi e i salumi invitano all'assaggio (aperto il martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 7 alle 12).

Musée Savoisien

La Piste Verte
La Piste Verte

Marché Les Halles
Marché Les Halles

Les Halles
Panetteria a Les Halles

Dopo un aperitivo a Le Pause Cafe, 215 rue de la République, è giunto il momento di scegliere il ristorante per la cena. Adoro la cucina francese, c'è poco da fare. Vado come al solito "a naso", e l'istinto mi premia. In un ambiente abbastanza elegante troviamo un menu interessante a prezzi contenuti. Io scelgo il faux-filet Savoie, Lore lo stinco d'agnello (jarret agneau), entrambi buonissimi.

La serata termina in un pub nel piazzale della cattedrale, dove c'è parecchia gente e la birra è buona.

Restaurant Le Savoyard
Restaurant Le Savoyard (jarret agneau)

Restaurant Le Savoyard
Restaurant Le Savoyard (faux-filet Savoie)

Il giorno seguente lo trascorriamo ad Aix-les-Bains, località sul lago (Lac du Bourget) a circa 18 km da Chambery. Località molto piacevole, che oltre alle passeggiate al lago offre un centro molto vivace. Rispetto a Chambery ci sono molti più turisti, le strade sono affollate, come i negozi.
I ristoranti sono tutti pieni, quindi andiamo davvero a caso e scegliamo un posticino in rue Albert 1er, dove propongono un pranzo a menu fisso a prezzi economici. La qualità mi sembra piuttosto buona, e la cosa divertente è che il bagno si trova in una specie di cantina, al termine di una ripida scala, tra i fusti di birra e la minuscola cucina senza finestre.

I palazzi di Aix-les-Bains hanno i tetti scuri e i classici colori sul grigio e azzurro che ricordano quelli di Parigi e Nizza. Come ogni località turistica francese che si rispetti c'è un elegante casinò e i corsi principali sono punteggiati di vasi di fiori.

Lac du Bourget
Aix-les-Bains Lac du Bourget

Lac du Bourget
Aix-les-Bains Lac du Bourget

Aix-les-Bains
Aix-les-Bains, particolare di un palazzo

Aix-les-Bains
Aix-les-Bains, specialità

Aix-les-Bains
Aix-les-Bains

Sunset Café
Bistecca e contorno


Una mini vacanza piacevole e romantica, l'ideale per una fuga di pochi giorni.
Nel viaggio di ritorno, più lungo perché al traforo c'era parecchia coda, ci siamo fermati al Forte di Exilles, che merita una gita (e un post) a parte.





------------------------------------------
Info pratiche:

In macchina: Traforo del Frejus € 55.20 a/r
Pedaggio autostrada francese con uscita a Chambery € 12.40

Kyriad Chambery Centre Hotel et Residence
371 rue de la Republique, Chambery
Camera Matrimoniale Superior € 58 a notte (su Booking.com)
Camera abbastanza spaziosa, angolo cottura con fornelli, microonde e frigorifero, bel bagno con sanitari separati. Colazione € 9.50. Parcheggio in garage (da prenotare) € 9 al giorno. WiFi gratuito.

Il Castello del Duca di Savoia a Chambery si può visitare solo con tour guidati (90 minuti, € 6), il week-end dalle ore 14:30. Per controllare le aperture e prenotare le visite: www.chambey-tourisme.com.

Cena a Chambery: Restaurant Le Savoyard
35 Place Monge - www.restaurant-le-savoyard.com
Aperitivo (due Kir e qualche stuzzichino), vino (75 cl), un faux-filet, un jarret agneau, € 54

Pranzo ad Aix-les-Bains: Sunset Cafè Restaurant
2 rue Albert 1er - Aix-les-Bains
Menu a prezzo fisso composto da piccolo antipasto, bistecca di maiale con contorno, formaggio, vino € 14 - Ambiente accogliente, personale simpatico.
------------------------------------------


10 commenti:

  1. La Francia non mi attira (un tempo ero fissata con la Provenza, ma mi è passata). Però se vedo piatti così, mi viene l'acquolina in bocca e voglia di andarci. A parte questo, hanno qualcosa di tedesco... nel colore dei tetti. La cosa che mi attira di più semmai è il centro cultura scientifico con ingresso gratuito).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho un amore particolare per la Francia (la mia fissa è la Costa Azzurra).

      Elimina
  2. accidenti che stinco!!! spettacolo

    RispondiElimina
  3. Che bello, le prime foto mi ricordano a tratti l'Italia, ma poi si piomba decisamente in Francia. Buon appetito e buone feste!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Chambery sembra proprio una città italiana.
      Buone feste! !

      Elimina
  4. Bella la cattedrale e i negozi di cibo! Mi piacerebbe tornare in Francia.
    Purtroppo il primo viaggio all'orizzonte è a fine febbraio, spero di riuscire a organizzare almeno qualche gita nel frattempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quest'anno la vedo dura, spero di poter fare almeno qualche gita.

      Elimina
  5. Buone Feste, e un abbraccio grande, amica giramondo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissimi auguri, un abbraccio forte forte e un brindisi!

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente il codice captcha per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...