Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

lunedì 30 marzo 2015Aggiornato il:

Hoi An, la città delle lanterne



Diario di viaggio in Vietnam
Martedì 10 febbraio



Lasciamo presto la nostra camera, l'autobus dovrebbe arrivare verso le 8.30. Dico dovrebbe perché gli orari sono sempre indicativi, e infatti alle 9 non si vede ancora nessuno. Stamattina a Hué inizia a vedersi il sole e la temperatura è subito più calda.


Traffico mattutino a Hué
Hue

domenica 29 marzo 2015Aggiornato il:

Di premi ricevuti, premi assegnati, e comunicazioni

Interrompo il mio diario di viaggio in Vietnam per un'edizione straordinaria!

Ho ricevuto ben due premi e voglio ringraziare chi me li ha assegnati, grazie, grazie, grazie. In più ho qualcosina da dirvi, ma andiamo per ordine.


--------------------------------------------------------
Mi è stato assegnato il mitico
BOOMSTICK AWARD

A.H.W. mi ha assegnato il Boomstick Award, cazzutissimo premio per blogger giunto alla quarta edizione ideato da HELL di Book & Negative. Grazie!!
Il fatto che sia stata premiata per il secondo anno di fila è ulteriore motivo di soddisfazione (oltre ad essere uno stimolo per fare sempre meglio). Uh, come gongolo.



mercoledì 25 marzo 2015Aggiornato il:

Hué in un giorno



Diario di viaggio in Vietnam
Lunedì 9 febbraio




Un crisantemo sotto la pioggia
crisantemo


Dato che abbiamo solo un giorno per vedere Hué abbiamo deciso di aggregarci a un tour organizzato che prevede una giornata completa di visite. Iniziamo la nostra gita alla Cittadella, l'enorme fortezza che comprende diverse strutture al suo interno, compresa la Città Imperiale.
Questa mattina piove, ed è un vero peccato.
La maestosa entrata principale, i laghetti e i cortili che collegano i palazzi sono davvero bellissimi.



sabato 21 marzo 2015Aggiornato il:

Da Hanoi a Hué



Diario di viaggio in Vietnam
Domenica 8 febbraio



Il nostro soggiorno a Hanoi si sta per concludere. Questi giorni sono volati e mi dispiace andare via, ma nello stesso tempo sono impaziente di conoscere altri luoghi.
Abbiamo ancora tutta la mattinata per goderci ancora un po' questa città che mi ha davvero conquistata. Non so dire con esattezza cos'è che ho amato così tanto, a volte ci sono sensazioni impossibili da descrivere. 

Rami con fiori di pruno
Hanoi


giovedì 19 marzo 2015Aggiornato il:

Halong Bay

Halong Bay



Diario di viaggio in Vietnam
Sabato 7 febbraio

Cominciamo bene la giornata con una colazione leggera leggera
(da quando sono in Vietnam non posso fare a meno delle uova al mattino)
Rising Dragon Hotel Hanoi

Il pulmino passa a prenderci intorno alle 8 e 30, ma ci vuole ancora una buona mezz'ora per finire il giro dei diversi hotel per caricare il resto dei partecipanti. Lasciamo Hanoi sotto una fitta pioggerellina, ma per fortuna smette appena ci allontaniamo un po'.


domenica 15 marzo 2015Aggiornato il:

Hanoi, una città sorprendente



Diario di viaggio in Vietnam
Venerdì 6 febbraio



Ad Hanoi per godersi il silenzio e le strade sgombre bisogna alzarsi all'alba. Non posso perdermi il risveglio della città, con le serrande che cominciano ad alzarsi e il vapore che esce dalle pentole per la colazione. Molti stanno già per mettesi al lavoro, ma si godono il calore intorno ai fornelli sistemati sui marciapiedi mentre finiscono la propria zuppa calda.

Pian piano il rumore del traffico e dei lavoratori delle botteghe inizia a farsi sentire, per poi diventare il sottofondo della giornata. Non è per niente fastidioso, anzi, mi ci sono già affezionata.

Per le strade gli ambulanti in bicicletta vendono fiori e addobbi per il capodanno. Molte donne hanno l'abito tradizionale e il cappellino vietnamita, e portano la frutta su grandi bilancieri appoggiati sulla spalla.


Oggi il tempo sembra migliorare, ogni tanto esce anche il sole, ma fa freddino.


Hanoi all'alba
Hanoi

lunedì 9 marzo 2015Aggiornato il:

Da Saigon ad Hanoi



Diario di viaggio in Vietnam
giovedì 5 febbraio


Stamattina visitiamo la zona di Saigon frequentata dai backpackers (il reticolo di vie tra Phạm Ngũ Lão e Bùi Viện). Le case hanno la tipica forma vietnamita rettangolare, strette e profonde, alte due o tre piani.
Qui ci sono ostelli, ristoranti con cucine internazionali, sale giochi e negozi turistici. Di sera si fa casino fino a tardi e si possono conoscere altri stranieri in viaggio, una cosa sicuramente piacevole per chi viaggia in solitaria.

Noi ce la godiamo in versione "la quiete prima della tempesta" essendo ancora presto. Mi piacciono soprattutto le viuzze strette e le case che sembrano tirate su un po' a casaccio. È un tipo di disordine che apprezzo tantissimo. Noto subito che qui i negozianti sono abituati ad avere a che fare con i turisti, infatti ci avvicinano con disinvoltura per venderci un po' di tutto.

Ho Chi Minh City


giovedì 5 marzo 2015Aggiornato il:

Lost in Saigon



Diario di Viaggio in Vietnam
mercoledì 4 febbraio


Come al solito il cambio di fuso orario mi fa svegliare prestissimo. Aspetto l'alba guardando i tetti delle case dalla finestra e ormai sono smaniosa di uscire.


La giornata è dedicata alla scoperta della città.
Inizio a prendere confidenza col traffico, che inizialmente mi sembra semplicemente una follia. Infilarsi nelle rotonde è a dir poco spaventoso, sciami di motorini che sembrano entrarti dritti dritti nella portiera del taxi che si infila nelle strade senza troppi complimenti. Mi sono spaventata un paio di volte, quando ho visto arrivare in contromano un motorino carico di cristiani, dandoli per spacciati. Invece è tutto uno schivarsi e infilarsi, un flusso continuo che alla fin fine sembra anche avere un senso.

In strada vale sempre la regola del più forte, il più grande ha si prende la precedenza sul più piccolo. Inutile dire che il pedone vale meno di niente (specialmente qui, che il più sfigato ha almeno la bicicletta).
Ecco perché il primo vero approccio col traffico di Saigon ce l'ho quando provo ad attraversare la strada.

Ci si fa l'abitudine eh, bisogna solo capire qual è il momento giusto per partire e mettersi in testa che una volta che sei andato non ti puoi fermare. Andatura costante (e occhi che guardano in entrambe le direzioni) e in qualche modo i motorini ti schivano. Pazzesco.


Saigon